Slam

Faccio slam per queste donne
Faccio slam per questa razza
Che taluni chiamano vorace
E di cui conservo fede e speranza
Ce ne è ancora nella bisaccia
E se dalla massa ipocrita di chi abbiamo reputato degno vengono cacciate via
Sono divenute ermetiche come un sasso
Faccio slam per loro
Hanno osato chiamarle puttane
E perciò del loro paradiso esse hanno la chiave
Donna che resuscita volentieri il proprio enigma
perché per i loro corpi la magia è la loro punteggiatura
Hanno osato stigmatizzarle e così
Vedete
Guardate
E giudicate,
Ad apprezzarle son tutti condannati, implicati, obbligati
sotto la pena di “Jah” addensati
Faccio slam per loro
Si sono anche protesi sulla donna puttana
Il 69 punto G
Delle grandi onde della galleria sono appassionati
E per le più piccole opportunità sempre in agguato appostati
Hanno osato trattarle come oggetti difettosi, ma io dico
Che è colpa loro se son così spudorate
Dignità beffeggiata
Orgoglio calpestato
Faccio slam per loro
Faccio slam per tutte queste donne
Il cui destino da scegliere sono i sogni
Queste donne sono i sogni che finiscono
Nella tomba…

***
*Slam: Il Poetry Slam è un’arte di recitazione orale. Spesso viene affiancata ad una competizione in cui più artisti si esibiscono e vengono poi valutati dal pubblico. Elementi importanti dello slam sono l’estetica delle parole, l’intonazione, la recitazione, e anche la capacità di improvvisare.

Slam [Je slamme, di Line Zokro (Lyne des mots)]
Traduzione di Giovanna Molinelli

 
Link alla versione originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *