Il sale della vita

Sono il sale che dà sapore alla vita
Sono il sale che dà la morte nemica
Sono il sale: gli uomini ne celebrano il nido
Sono il sale: la società ne incensa il letto

Il sale che svaga e ridà vita alla carne commovente
Il sale che calma il cuore colmo di inebrianti avversità
Il sale che annienta gli attacchi esterni e interni
Il sale che tira su il morale cupo di rose spinose

E l’uomo mi nominò donna
Carne della sua carne, essere naturalmente sublime
Autentica meraviglia divina dal suo fortunato sonno uscita
Fata ammirevole sorgere dalla polvere cara rimodellata

Regina delle fresche rose che inondano gli spiriti bollenti
Regolare tensioni inique e ipnotiche di demoni nottambuli
Sublimare la vita amara.
Sono la prestidigitarice del soffio rosa
della morte amara dai denti ossuti senza vita sacra

Falli si stremano, si mordono notte e giorno al lavoro
Lotte aspre visibili oscure attorno a me s’intraprendono
Armi, magie nere, protagonisti ne fanno uso
sicuri di eliminare il rivale, di rendere docile la selvaggia pernice

Prepararmi al bicarbonato di potassio dai noti effetti
Influenzarmi materialmente, una concorrenza che fa cadere
avventurieri meno accorti e insensati.
Morte istantanea, inferno carcerario
Sono il sale della vita e della morte vera e sociale.

***

Il sale della vita [Le sel de la vie, di Marcelle Koutchoukalo Tchassim]
Traduzione di Michela Mengoli

 
Link alla versione originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *