Sei donna

Per una stagione lunga a malapena diversi eoni
Mi sono immersa nella quiete
In attesa del giorno in cui la donna trovi la propria
Intrappolata in questa nuvola di silenziosa oscurità
Come fa il mondo a fingere con una tale noncuranza?
È tutto ciò che c’è di buono là fuori, infatti,
Che mi spinge a metterlo a nudo

Come pronunciano dolcemente dichiarazioni convincenti
Liberate la donna; rilasciate le nostre ragazze
Sii solo ciò che ti diciamo noi di essere
Poca ragione e attività mentale richieste
Credi solo a quello che ti diciamo noi di credere
E poi sarai libera
Sii libera, donna, sii libera

Dalla servitù delle filosofie mal riposte
È un mondo di uomini, mentalità antiquate
Hanno stabilito che una donna deve essere debole e fragile
Senza una voce propria; una vendita all’asta
Nessuna emozione giustificata; troppo sensibile
Esprimere la propria opinione; non si addice a una signora
Così deve essere una donna; dicono, in modo eccezionale

Una casa innalzata è destinata ad appassire col tempo
Il sole, la pioggia, gli uragani
La portano a raggrinzire di volta in volta
Assicurati di controllare le fondamenta quando ti trovi lì
Sono certa che capirai cosa intendo
Donna, un supporto che metti in discussione
Lei resiste; super donna, fondamenta solide

Lei è donna
Se solo la conoscessi
È molto probabile che ti rubi il fiato
Conduca la sua guerra, sconfigga le proprie paure
Perfino in mezzo a un mare di lacrime
Può ribaltare il pronostico di un oggi infelice
Lei è donna, un mistero che si svela

Se mai fosse stata fatta come me
Una donna nera nata in questo santuario africano
Opportunità appaiono nelle lune piene; possibilità fugaci che devi reclamare
Possa lei scappare prima che tu senta lo sparo
Circondata da una disperazione così abissale
Contraddetta e poi paragonata agli uomini
Sorgerai donna, la tua luce si è accesa

Lascia che te lo dica come meglio posso
In parole semplici potrebbe essere più chiaro
Sei forte; sei bella donna
Sei importante; la tua voce deve essere ascoltata donna
Di fronte a terribili avversità
Osservando, come un’immagine complessa allo specchio,
Il disfacimento di ciò che è, della nostra diversità
Impressionata da una semplicità così squisita
Sii tutta la donna che puoi e che dovresti davvero essere

***

Sei donna [You Are Woman, di Ama Nuamah]
Traduzione di Julia Arena

 
Link alla versione originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *