L’amore

C’era una volta l’amore
Un sentimento divenuto così raro che ogni cuore lo chiama con tutto se stesso
C’era una volta l’amore
E finalmente un giorno l’amore è venuto a lei
Amore benedetto amore delirio amore commovente
In nome di questo amore il suo cuore è rimasto sordo
Sordo quando le si diceva che il suo era pesante, pesante per troppi sentimenti cattivi
Rispondeva, io lo amo, non c’è amore senza dolore
E durante questi giorni feroci
In queste notti pungenti in un sanguinoso silenzio
Ha sopportato la sua violenza
In amore ci si mette in coppia per costruire e vivere insieme
Lui preferisce distruggerla e ridere quando trema
All’inizio era splendente e gioviale
Colpo dopo colpo è sfiorita e divenuta pallida
Le sue illusioni sul loro idillio sono scomparse
Ormai nella sua vita accumula bile
I suoi occhi sono un torrente inesauribile
La sua vita un castello di sabbia
Le sue promesse delle favole
In amore ci si mette in coppia per rendersi felici
Ma lui preferisce coprirla di lividi
Un atto disumano non è quando un cane fa del male ad un altro cane
È sicuramente un linguaggio che ogni cuore capirà
L’amore non è mai stato compagno della violenza
Se vivi questo calvario
Sappi che hai il diritto di dire sì
Sì a un cambiamento radicale
Sì all’amore…

***
L’amore [L’amour, di Line Zokro (Lyne des mots)]
Traduzione di Luciana Pepino

 
Link alla versione originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *