La mia cotta per tanti anni

Esplosione di melanina, 1,90 m, petto possente
braccia ben definite, umide labbra piene e scarlatte
occhi vivaci e brillanti

Lo osservai mentre si dirigeva verso di me
Come la terra che appare nella galassia
un fascio di luce che solca il cielo notturno
formato da stelle che l’occhio nudo non riesce a distinguere
Ve lo giuro, sembrava la Via Lattea

Rimasi immobile
Era come se il condizionatore della biblioteca
si fosse trasformato in un camino
Sudavo e ansimavo, mi mancava il respiro
il mio cuore raggiunse i 379 battiti al minuto
un attacco di dispnea
senza nessuna diagnosi precedente di asma
Un impulso elettrico
che andava dai miei atri ai miei ventricoli
Ma, vedete, non stavo male, mi ero innamorata

Poi lui mi rivolse la parola e disse “Mi piaci”
La tensione mi fece stringere le chiappe
così tanto che potevo sentire
letteralmente il mio culo spaccarsi
Le sue parole agitavano i miei pensieri come un alikoto
Il mio sistema neurocrino
stava facendo secernere
troppa vasopressina al mio ipotalamo
la mia mente era completamente sottosopra
Ero confusa

Sul mio volto si leggeva scetticismo
perché ogni volta che lo guardavo
tutto ciò che vedevo era egoismo e narcisismo

Nella strada solitaria del mio cuore ho sempre sentito
che il mio aspetto non era abbastanza
per sciogliere il ghiaccio
Mi chiedevo spesso: quanto è vero l’amore?
È qualcosa che prima o poi mi apparterrà?
È bello come il sabato, come una colomba?
Fino a quel giorno inaspettato
si era perso nella buia strada del mio cuore

L’amore è un bastardo
ha molti padri
ma lascia che sia io la madre del tuo
Dicono che l’amore è cieco
ma non sprecherò tempo
a riacquistare la vista dell’amore a prima vista
Le sue parole, come erbe curative per me

Ma se volete la mia opinione
L’amore è cos x -cos y = -2seny (x + y) / 2 (x-y) senx
L’amore è inspiegabile, inesplicabile,
indivisibile, meschino ma meraviglioso

L’ho sentito baciarmi le guance
e le mie guance muoversi verso il mio osso zigomatico
come se issate con funi e carrucole

All’improvviso, sento qualcosa
Apro gli occhi
solo per ritrovarmi davanti mia madre,
55 anni,
che mi sveglia per le faccende di casa
Era solo un sogno…

***

 
La mia cotta per tanti anni [My Crush for Many Years, di Maame Afia Konadu Sarpong]
Traduzione di Julia Arena

Link alla versione originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *